giovedì 3 gennaio 2013

Solitudine 2.0


Avete mai parlato con un anziano?
Parlate mai con un anziano?
Avete a portata di mano e di orecchio anziani con cui parlare?
Nella maggior parte dei casi non c'è bisogno di dar loro confidenza, nel caso si tratti di sconosciuti. Saranno loro stessi a cominciare qualunque tipo di discorso, alle poste, sull'autobus, in fila al supermercato, in ogni posto dove le nostre esistenze ristagnano per un istante assieme alle loro. Perchè lo fanno? Semplice, per solitudine. Dategli un pò di confidenza in più, e cominceranno a dirvi cosa hanno mangiato a pranzo o cena, che problemi di salute hanno (perchè un malanno ce l'hanno sempre), che cosa fanno i loro figli e/o i loro nipoti, e dopo poco, molto probabilmente, trarranno dal loro portafoglio una o più foto di bambini e/o figli e/o del loro passato più o meno remoto. Dopo poco tornerete a casa. Posterete su facebook la foto della vostra pizza e/o piatto di pasta, vi lamenterete per il naso intasato e/o per il mal di schiena e/o la febbre incipiente, e magari posterete una vostra foto dall'aspetto sofferente, oppure sorridente, della serata prima. Qualcuno la commenterà, qualcuno la likerà, eccetera eccetera. Gli anziani starebbero benissimo su facebook, se solo lo sapessero usare. Anzi, lo usano tutti i giorni senza nemmeno saperlo. Forse perchè, come noi, hanno il bene più diffuso del pianeta terra. La solitudine.

Nessun commento: