martedì 21 giugno 2011

Fatto 30, facciamo pure 31

8 giorni fa ho compiuto 31 anni. Come sempre, da quando sono nato sotto la fantasia dei miei genitori, il giorno del mio compleanno è anche quello del mio onomastico. Tutto sommato è una cosa positiva, non c'è una cosa che odio di più dei giorni di festa, e quindi gli auguri me li prendo solo una volta. Anche se era un giorno lavorativo ho preferito non andare a lavorare in virtù del fatto che, come ho detto prima, avendo un nome più diffuso della radioattività a Fukushima, qualcuno ricordando vagamente il mio nome avrebbe avuto la brillante idea di farmi gli auguri. Ed io avrei ipocritamente ringraziato, anche perchè probabilmente erano auguri sinceri, e non si può fare sempre i distaccati. Sta di fatto che odio il mio compleanno, non tanto per gli anni che passano (anzi, con l'avanzare degli anni divento più bello ed intelligente), ma per il periodo in cui cade. Fa troppo caldo, e quando fa caldo non c'è proprio nulla da festeggiare. Quindi, da oggi il mio compleanno indietreggia di 5 mesi al 13 gennaio, quando si può stare tranquillamente in mezze maniche senza bestemmiare marzianamente tutto il calendario (beninteso : io non bestemmio mai).

2 commenti:

Carlo ha detto...

anzi, con l'avanzare degli anni divento più bello ed intelligente aUHAuhaUHAhuAAUHAuhaUHauhaHUAhuaauhaUHauhaHUAuhauahAHUauhAHUauhAHUAAUhAUHahuaHUAuhaHUAhuaUHAAUH

13 gennaio...ricorderò di farti gli auguri?? :p

antonio ha detto...

Te lo ricorderò io :)