giovedì 20 novembre 2008

Garbo - Voglio Morire Giovane

Ascoltate attentamente questa canzone meravigliosa, e se vi ricorda qualcosa avete ragione, sembra una canzone scritta da Sergio Bianconi dei Baustelle e suonata dagli Smashing Pumpkins (ricorda vagamente "Perfect"). Buon ascolto.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

sembra la voce del marziano hihihi

Ettore Gallo ha detto...

Ciao, sono Ettore Gallo, 14 anni di Potenza. Il tuo blog è davvero interessante. Che ne diresti di uno scambio di link? Contattami sul blog http://ettore94.blogspot.com/. A presto…

Matteo Veronesi ha detto...

Già, una canzone meravigliosa (scritta da Tao, www.taovox.it, un genio, ma "cucita addosso" al grande Garbo, uno dei maestri della new wave italiana, e la cui voce, più che quella del marziano come ha scritto lo sciocco anonimo, ricorda semmai quella di un altro grande, David Sylvian); e l'essertene accorto ti fa onore, dal momento che, dopo qualche fugace passaggio, essa è stata, come quasi sempre càpita, oggi, alla vera arte, tacitata e passata sotto silenzio.

Un capolavoro anche il video, montato in una sola notte, senza bisogno di miliardi e di effetti speciali. Una perfetta armonia, una piena sinergia di musica, testo, voce, immagini, gesti.... Insomma arte, arte pura, sintesi sublime di forma e contenuto.

Eros e Thanatos: quella canzone è un inno alla vita e all'amore, proprio a partire dal pensiero della morte che, lo si voglia o no, presto o tardi, ci attende tutti.

La disperazione, la devianza, il degrado morale, la droga, tutto il male e il peggio insomma, nascono e si alimentano dal non saper fare i conti con la propria mortalità, e dal cercare, inconsciamente ed irrazionalmente, di eluderla proprio anticipandola e giocando con essa.

E la musica, come la filosofia, ci insegna a morire, ci aiuta ad esorcizzare la paura della morte, a fare i conti con questa idea, e a rendercela accettabile. Il messaggio della canzone è qualcosa che va oltre la banalità del carpe diem. E' più simile all'amor fati di Nietzsche, all'accettazione ferma, e quasi ilare, del destino, qualunque esso sia.

Anonimo ha detto...

Come autore di questa canzone (testo, musica e parte dell'arrangiamento) non posso che ringraziare, commosso...

Tao

www.taovox.com