giovedì 21 febbraio 2008

La cena di famiglia/6

E siamo arrivati alla fine di questa (spero per voi) divertente commedia scritta da me medesimo sottoscritto in calce. Per chi volesse, ricordo che è sempre disponibile in formato pdf qui. Grazie a tutti per l'attenzione.


Scena 6

Interno. Camera da letto di Corinna e Gesualdo. I due sono nel letto, con solamente il busto fuori
dalle coperte. Hanno appena finito di fare sesso. Sull’abat jour ci sono le mutande di Corinna, di
Gesualdo ed un paio di profilattici usati
G: (fumando) è stato proprio bellissimo, quella pillola è fenomenale!
C: (mettendo una mano sotto le coperte esclama): è ancora duro!
G: me l’avevano garantito 7 anni contro l’appiattimento, ma stò materasso dopo dieci anni è ancora una bomba!
C: merito delle molle in acciaio inox!
G: ci siamo molleggiati proprio bene! E pensare che Valentino lo abbiamo fatto sopra i sedili del
maggiolone! Ma meno male che abbiamo questi adesso! (prende un profilattico usato dall’abat jour e lo usa a mò di elastico sulla faccia di Corinna) Ueh Ueh Ueh!
C: (sputando lo sperma ke le è finito in faccia) ma che cazzo combini?
G: scusami amore è che sono molto contento!
(Corinna si pulisce con la federa del cuscino)
C: quel medico è stato proprio grande, quasi quasi direi di dare un’aggiustatina pure ad Adalgiso!
G: ci stavo pensando pure io!
C: davvero? Non te l’ho detto prima perché sapendo che era il tuo figli preferito credevo non lo
volessi turbare…
G: no, stasera mi sono convinto della bontà del trattamento, e voglio provare ad avere un figlio
presidente del consiglio, e l’altro presidente della Cia!
C: ma come faremo a dargli la medicina? Lui non la accetterebbe mai!
G: non ti preoccupare, faremo tutto in modo molto occulto, glielo metteremo nel caffellatte del
mattino oppure nel sandwich che porta come colazione a scuola….
C: ma non li renderemo schiavi di una sostanza chimica?
G: non più di un fumatore dipende dalla nicotina, o di una donna dipendente dal whisky….
C: come lo hai scoperto?
G: ho visto le bottiglie nella spazzatura…
C: amore, è che con tutte le preoccupazioni di questo periodo era l’unico modo per andare avanti,
ma ti giuro che d’ora in poi non ne berrò più…
G: ti credo tesoro…e poi in un certo senso anche io sono un dipendente dal viagra….meno male che non mi porta effetti collaterali…(a questo punto la coperta inizia ad alzarsi in corrispondenza del pene di Gesualdo, a causa di un’erezione spaventosa)aiuto….ma che sta succedendo!!
C: oddiomiooooo! (mette la faccia sotto le coperte per osservare da vicino..) è diventato enorme….e mo come ti porto in ospedale?
G: ma quale ospedale! Chiama melissa e dille di venire qua col suo fidanzato!
C: si, subito!(scende dal letto in pigiama mentre Gesualdo si guarda il pene da sotto le lenzuola)
G:(sorridendo) però non sarebbe male mantenerlo così, vero amore?
C: ma che sei pazzo? (compone il numero) e dai zoccola rispondi! Staranno scopando! Forse non gli andrà di venire subito qui!
G: basta che dici al dottore che ci sta un altro assegno per lui e te lo trovi davanti alla porta prima di riattaccare!
C: (finalmente melissa risponde) melissa sono io! Vieni subito qui con Giuseppe, e digli di portare
pure la sua borsa….come non ce l’ha? Vabbè fermatevi in farmacia e comprate il necessario che poi ve lo pago.......(riattacca)
G: stanno venendo?
C: credo che sono gia venuti tutt’e due….
G: spiritosa..dicevo in senso motorio…
C: si, giusto il tempo di “noleggiare”(mima con le dita le virgolette, all’americana) un’auto sotto
casa…
G: speriamo bene…..(all’improvviso entra Adalgiso in pigiama….)
A: mamma papà Valentino non sta bene…sta recitando la divina commedia in latino….papà ma che c'hai?
G:(rosso in faccia) niente, mi sto facendo una flebo al piede…e questo è il trespolo per
mantenerla..ma adesso sta arrivando zia melissa col medico per levarmela….
A: allora mamma chiamala, e dille di portare qualcosa anche per Valentino…vi prego sentite…(si
ode in lontananza un latino scomposto recitato da Valentino)
C: (chiamando la sorella al telefono) ma la divina commedia non era stata scritta in volgare?
A: infatti questo è un suo adattamento!
C: (parlando al telefono) pronto melissa? Sono sempre io…se state in farmacia di a Giuseppe di
comprare qualcosa per Valentino che è uscito di testa……si aggiungi al conto…..
G: ma quanto mi deve costare sta storta la piede…..
A: papà posso vedere cos’è?
C: (prendendo Adalgiso per il pigiama) vai a vedere come sta tuo fratello, poi ci pensiamo….
A: vabbene…..(esce di scena…)
C: tesoro come va?
G: bene, sembra che voglia iniziare a scendere…..
C: speriamo che arrivino presto…(si sente in lontananza il clacson di un’auto) eccoli..stanno
arrivando….vado ad aprire…(Corinna esce dalla scena)
G: certo che se rimanessi per sempre così, sarei perfetto come attore di film porno, potrei fare
l’antitesi di quello che gliel’ha tagliato la moglie…
C: (rientra in scena seguita da melissa e Giuseppe) eccolo dottore…guardate che gli è successo!!!!
Gi: cazzo! Stamm propr’ ‘nguaiat!
G: non dica così!
Gi: dite la verità, ma mi state facendo uno scherzo? Non è che tenete li sotto un trespolo per le
flebo?
G: macchè, venite a vedere!
M: pure io pure io!
Gi: stai ferma la, non ti è bastato il mio prima? (si avvia verso Gesualdo, prende la coperta e la
alza)…a faccia ro’ cazz’!!!!
G: dottore è grave?
Gi: no, niente, esclamavo perché manco John Holmes lo teneva così…una bella siringa e tutto
passa..(rivolto alle sorelle)..portatemela che sta nella mia borsa…
C: vuol dire busta?
Gi: si, quello che è..
M: la porto io….
C: no, il pesce è di mio marito e me lo vedo io…(porta la siringa a Giuseppe)
Gi: grazie signò….ma siete sicura che glielo debbo abbassare?
C: si, sicura….anche per i pantaloni sarebbe un casino poi!
Gi: ok, allora procedo…fatto!(improvvisamente il pene si abbassa completamente)
C: grazie, siete un genio! Ma se lo volessi come prima, magari per vantarmi al calcetto con gli amici sotto la doccia?
Gi: basta che prima di usare il viagra vi fate una mangiata del genere…magari con un bel piato di
spaghetti con tanto aglio come stasera….ma non ne ve ne eravate mai accorti?
G: no, perché di solito quando facevo sesso con mia moglie non lo mangiavo mai per non aver
l’alito cattivo….
C: amore scusami….è stata tutta colpa mia!
G: non ti preoccupare, ora occupiamoci di quell’altro!
C: si, hai ragione…..adalgiso porta qui Valentino che c’è il medico..
A: (da lontano) chi?
C: Giuseppe!
A: ah, il fidanzato della zia!
C: si, ma fai presto…
(entra Adalgiso portando Valentino su una sedia con le rotelle. Valentino parla ancora in un latino
tutto suo)
Gi: ah, e qui al situazione è ancora più grave…(apprensione nei volti di tutti i presenti)….stavo
scherzando! Allora, qui il rimedio è un bel sonnifero….prendetemi l’imbuto di prima…
A: vado io(esce dalla scena)
M: il mio caro ragazzo è proprio un genio, credo che il suo sforzo vada premiato(fa con le dita il
gesto dei soldi)…
C: come no….
A:(rientra con l’imbuto in mano) eccolo dottore..
Gi: puoi chiamarmi Giuseppe…o zio se vuoi…
A: ecco dottore…
Gi: (prende l’imbuto e lo ficca in bocca a Valentino) ecco qui….quindici gocce e dormirà
beato...domani mattina non si ricorderà più nulla…
G: grazie dottore…le saremo per sempre riconoscenti….
A: papà ma la flebo al piede?
G: me l’ha guarita il dottore!
C: Adalgiso riporta Valentino a letto..
A: si mamma(riprende la sedia ed esce di scena)
G: se volete accomodarvi nella stanza degli ospiti fate pure..
Gi: non si preoccupi, domani mattina debbo svegliarmi presto per andare in banca per riscuotere i vostri assegni….anzi mi sembra che ce ne manchi uno….
C: è vero….ecco qui…altri 100 euro vanno bene?
Gi: ci metta pure il supplemento per la chiamata notturna….
C: allora facciamo 120 ok?
Gi: va benissimo, grazie…(rimette a posto la sua busta e si avvia verso la porta) buonanotte!
M: buonanotte, e mi raccomando niente aglio e viagra ok?
G: si, vai tranquilla! (Gesualdo e Corinna si rimettono a letto)
C: è stata proprio una bella giornata, molto intensa vero?
G: a chi lo dici…dormiamoci su, va….
C. hai sonno?
G: un po si…
C: ho qui uno spicchio d’aglio…
G: che vuoi fare le bruschette a letto?
C: no, ci voglio strofinare il cetriolo….
G: ah, ho capito…..(Gesualdo spegne la luce. Buio sulla scena)

FINE

2 commenti:

peppe ha detto...

ma se la rappresentiamo lo sperma che finisce in faccia a corinna sarà un effetto scenico, o sarà produzione di qualcuno di noi?
:D
complimenti per la commedia, davvero ben scritta.

antonio ha detto...

Peppe, ti dirò che spesso quando mi lavo le mani noto che il sapone liquido ha la stessa consistenza, ma per fortuna non lo stesso odore...Grazie per i complimenti!