martedì 19 febbraio 2008

La cena di famiglia/4

Scena 4

Interno. Gesualdo con un accappatoio addosso starnutisce, con i capelli ancora bagnati. Siamo nella stanza da pranzo. Gesualdo si rivolge con parole di fuoco a Corinna.
G: che bella idea del cazzo che hai avuto! Guarda che raffreddore che mi sono preso! Per colpa tuaadesso non potrò andare a lavoro per un bel po’, e niente partita di calcetto!
C: sai che perdita per l’ufficio e per i tuoi amici! Comunque l’hai voluto tu! Se ti lavassi più spesso,
non ce ne sarebbe stato bisogno!
G: io vorrei sapere chi ti ha dato questa idea grandiosa! Immagino quella zoccola di tua sorella,
vero?
C: non osare chiamarla così, sai?
G: se no? È da due settimane che mangia a ufo a casa mia, e la chiamo come mi pare! Poi, ho
saputo che ci siamo messi pure a finanziare la ricerca scientifica tramite quel truffatore del suo
fidanzato!
C: ma è per il bene di Valentino! E poi sono solo 5 euro!
G: sai che affare! Per quell’impiastro di tuo figlio non spenderei nulla!
C: ma perché dici così?
G: perché una giorno di circa 16 anni fa, fosti tu a dimenticare di prendere la pillola, ed eccocelo
qua, uno scansafatiche buono a nulla pluriripetente!
C: ha ragione Valentino a dire che fai delle differenze fra i figli!
G: e ci credo, mica sono uguali? D’altronde, Adalgiso era stato voluto sin dall’inizio, ti ricordi che
seguivamo sul calendario tutti i giorni fertili, e soprattutto le fasi della luna piena in modo che
sarebbe diventato più intelligente? Valentino invece è solamente figlio di un preservativo bucato!
C: sei senza cuore, padre snaturato!
G: ma dai, lo sai che scherzo! Piuttosto, siamo quasi a Natale, hai pensato ai regali per i nostri figli?
C: non ancora, tu?
G: beh, io ho una mezza idea: a Adalgiso un bel viaggetto con capodanno a new york, che gli piace
tanto, mentre per Valentino avevo pensato al casco nuovo, che quello che usa mi sembra un po’
ammaccato!
C: perché non li mandiamo assieme a new york?
G: no, Valentino non sa bene nemmeno l’italiano, figuriamoci l’inglese!
C: scusa, ma tu credi che un viaggio in america ed un casco integrale costino la stessa cifra?
G: no che non costano la stessa cifra, ma io ho un tredicesima sola, e poi non ne voglio parlare più,
fino a natale c’è tempo! E poi chi l’ha detto che deve essere integrale?
C: come vuoi! Piuttosto hai deciso come vestirti stasera a cena?
G: come prima!
C: ma se ti ho buttato nella vasca con tutti i vestiti!
G: e non sono asciutti?
C: a parte il fatto che siamo a novembre e sono le sei di pomeriggio, anche se fosse stata una
mattinata ventilata di agosto non si sarebbe asciugato un bel nulla, visto che sono completamente
zuppi!
G: vabbè, allora vai a prepararmi qualcosa di nuovo!
C: e perché io?debbo ancora cucinare gli antipasti!
G: lo scherzetto della vasca l’hai voluto tu, perciò tocca a te vestirmi!
C: e va bene, ma dopo! Piuttosto, vediamo di fare bella figura che forse stasera melissa ci porta il
suo nuovo fidanzato, il medico, ma forse..
G: forse perché ha degli impegni in ospedale?
C: no, problemi con la libertà vigilata, ma ce la dovrebbe fare…
G: siamo in ottime mani!
C: lo puoi dire forte! Nel suo braccio era considerato il migliore!
G: c’erano molti medici a Poggioreale?
C: parecchi, a cominciare dall’ex ministro della sanità..
G: e lui lo conosceva?
C: certo che lo conosceva!
G: allora perché invece della cura per Valentino non facciamo in modo di trovargli un lavoro al
ministero della sanità, magari come uomo delle pulizie?
C: ma se ancora si deve diplomare!
G: e sono sicuro che non ce la farà mai! Meglio mandarlo a lavorare adesso, no?
C: dopo il diploma si vedrà! Intanto Adalgiso ha detto che gli vuole dare qualche ripetizione, ma
Valentino sembra che non voglia uscire dalla sala giochi, perciò in questo momento stanno
ripetendo la geografia sul tavolo da biliardo!
G: non voglio che Adalgiso lo aiuti! Lui deve diplomarsi, poi laurearsi in medicina, e poi diventare
ministro! Per questo voglio che Valentino vada a fare le pulizie li, almeno gli farà trovare sempre
l’ufficio pulito!
C: tu deliri! Farò finta di non aver sentito! Vatti ad asciugare, va, mentre io vado in cucina ad
ultimare i preparativi per stasera!
(Gesualdo se ne va, mentre Corinna tracanna dalla solita bottiglia di whisky stavolta nascosta dietro il divano)

Fine scena 4

3 commenti:

peppe ha detto...

antò, a proposito della hiusura del blog, se leggi il comment che ho aggiunto la situazione ti sarà chiara. nimesulide non è morto, ma ora sono in pausa e ho altri progetti che vi piaceranno di certo. per quanto riguarda la cena di famiglia, sto leggendo con molto interesse. Ma rappresentarla no? io ho fatto qualcosina del genere a battipaglia, se ne potrebbe parlare

antonio ha detto...

Grazie Peppe per l'interessamento, sarebbe davvero bella poterla rappresentare per intero, comprese le maleparole, leggila bene e vedrai che sul finale è ancora peggio! La commedia naque così per gioco, mi interessava semplicemente mettere in luce il fatto che siamo tutti dipendenti da qualcosa (viagra, mariujana, alcool, nicotina, ritalin, per quanto riguarda i personaggi della commedia). Di certo non mi spiacerebbe vederla rappresentata, ma non credo che piacerebbe. Piuttosto torna presto online e auguri per i tuoi progetti futuri!

carlo ha detto...

il blog era carino..ma da quando hai messo questa commedia, ha perso di interesse..peccato!